Auguri :)

La filastrocca   dell’  Amore scritta da Chiara (8 anni)

Amore   o  non  amore , abbraccia la  tua  famiglia

E   quando  non  sai  o  non  riesci

chiedi  che  ti   aiutano.

Devi amare   la  tua  famiglia  e  volergli  bene.

Se  vuoi  bene  il    mondo  è  felice,  se  non  vuoi   bene  il  mondo   piange.

L’amore  è  una  cosa   bellissima   che   non  può   superare   nessuno.

 

Viaggio a piedi liberi augura a TUTTI Buone Feste per uno splendido 2019 🙂

 

Il viaggio continua

Valentina & Omar

Si decolla…

Mi sono svegliato questa mattina con questa immagine in testa che riassume il periodo che stiamo passando io e la Vale. Viaggioapiediliberi ora è come un aereo che sta decollando.

Che succede all’aereo quando sta per partire? E’ carico di persone e davanti a sé ha la pista vuota, l’aria e la pressione spingono forte verso di lui, soprattutto appena accelera, combatte con la forza di gravità, deve rompere e superare quella forza uguale e contraria che, se non contrastasse, lo terrebbe fermo a terra. L’aereo ci mette tanto gas per poter decollare, concentrazione, attenzione e determinazione….un attimo di “sospensione” e incertezza (soprattutto per i passeggeri) e poi…….siamo alti….stiamo volando, stiamo seguendo la traiettoria, non ci sono strade nel cielo, ben segnalate come per chi guida l’auto ma, solo linee immaginarie, tante cose e controlli da tenere sott’occhio ma tanto piacere di essere lassù, in viaggio. Dietro di sé una scia, ben visibile a chi non è salito ma che può scatenare la voglia di partire la prossima volta. Siamo fieri di essere al comando di questo aereo, ci sono tante opposizioni, tanti ritardi, tante attese, tante difficoltà e manutenzioni da fare prima della partenza….ma siamo contenti di tutto ciò, siamo contenti di essere al comando della nostra vita, siamo contenti di crearci il nostro lavoro che è legato alla nostra passione per la natura, per il movimento (in bicicletta e a piedi) per lo stare bene e INSIEME.

Il viaggio continua.

Omar

Pedalare per il clima


Ride with us ecco il nome del progetto al quale abbiamo partecipato, anche se solo in minima parte, sentendo la conferenza sui cambiamenti climatici, a Udine lo scorso 27 novembre.
Il progetto è un viaggio in bicicletta partito da Venezia il 26 novembre con arrivo a Katowice il 7 dicembre, dove quest’anno ci sarà la 24a sessione della conferenza delle parti (COP 24) sul cambiamento climatico.

Cosa sta succedendo al pianeta? Semplice, con la continua emissione di GHG (gas effetto serra) il pianeta si sta surriscaldando e gli effetti sono devastanti. Li vediamo continuamente ma il problema è che dobbiamo agire subito, dobbiamo informare le persone su ciò che sta succedendo e a quali rischi stiamo andando incontro, rischi irreversibili. Per TV non se ne parla, ma i danni sono molto gravi e tutti devono sapere: scioglimento dei ghiacciai (che è il maggior magazzino di acqua dolce), aumento del livello del mare (26 cm negli ultimi 120 anni e nel 2100 sarà di 1 metro) e conseguente  sommersione delle coste, aumento degli eventi atmosferici estremi: pioggia di maggiore intensità, siccità, alluvioni e ondate di calore.

Parlando del nostro Friuli…tra 100 anni non sarà più Friuli ma il clima e la flora saranno nord-africani.
Che fare? Non dobbiamo aspettare che gli Stati prendano accordi, ma dobbiamo agire noi! Come abitanti del pianeta Terra utilizziamo energie alternative rinnovabili, muoviamoci in bicicletta il più possibile! Muoviamoci con i mezzi pubblici, muoviamoci con mezzi elettrici e non a combustione. Informatevi anche voi e riflettete…ognuno di noi ha false necessità che ci portano a sprecare energia senza rendercene conto…..guardate come vi comportate nei confronti dell’ambiente, riflettete e cambiate i vostri atteggiamenti! Dal piccolo al grande…

Pensate all’oceano, ai mari, al suolo, al clima….quanti cambiamenti sono avvenuti? Continuando così cosa accadrà???

Il viaggio continua.
Valentina & Omar

The long way

The Long Way <— clicca il link per guardare il video

Ci siamo, è uscito il video del nuovo singolo del nostro caro amico Michele Stefanuto, in arte Mik.
Il brano si chiama the long way ovvero la lunga strada. Tra le note, tra la voce, ci dice che giunge un momento nella vita in cui si decide di partire, di andare, per seguire i propri sogni, c’è solo la strada davanti, niente compromessi, non si guarda il passato, si va. La strada è lunga, va tutto bene, e quindi…si va.

Noi, viaggioapiediliberi abbiamo partecipato a co-creare il video per questo singolo, che anticipa il nuovo album che uscirà il 2019, e possiamo dire di essere orgogliosi, soddisfatti, entusiasti, anche perché è tratto da una storia vera….la nostra storia vera 🙂

L’abbiamo vissuto, l’abbiamo provato, siamo partiti con l’obiettivo davanti a noi, nessuna certezza, ma è stato proprio l’obiettivo il motore per continuare e andare per la strada lunga.

In questo momento del nostro viaggio, abbiamo collaborato con persone davvero competenti, professionali che hanno permesso di trasmettere sia visivamente, sia musicalmente questo messaggio che anche noi sosteniamo: andare, seguire i sogni, fare di tutto per realizzarli, non mollare e percorrere the long way.

Il viaggio continua.

Valentina & Omar

Movimenti


Cammino
col freddo vicino;
guardo
il verde splendido
il sole timido
e il vento umido.
Al fiume
le barche sono tutte ferme
stanno tutte insieme;
ma nell'aere
il rapace non ha pace
col suo moto mi stupisce
mi colpisce.
Allora mi fermo 
lo guardo
lo seguo
sparisce. 

Continuo a camminare 
mi godo questi colori
sento questi odori 
Felice 
in mezzo a capolavori.
Grazie Madre Natura 
per la tua Essenza Pura.

Il viaggio continua
Valentina.

Ancora in viaggio

Siamo tornati, ma stiamo ancora viaggiando.

Siamo a casa stiamo lavorando sistemando tutto il materiale digitale raccolto in questi mesi,  (foto, video, pensieri) e appena possiamo usciamo per staccarci dal PC, pedaliamo, camminiamo per ri-ossigenarci.

Ma il viaggio sta continuando ogni giorno, quando ci svegliamo e, ad uno ad uno, svolgiamo tutti i punti scritti sui post-it colorati. Chiamare, scrivere, confermare, vedere, contattare, sistemare, continuare, rispondere, informarsi… il nostro è un lavoro non convenzionale, ma…..d’altronde tutto il nostro viaggio in Italia lo è stato: nessuna certezza mai, nessuna sicurezza, tanta voglia di andare, di vedere, di vivere…la nostra benzina è stata proprio il nostro entusiasmo, l’Amore per la vita, per il mondo, per lo stare insieme, la voglia di conoscere e soprattutto creare la nostra realtà.

Il viaggio ci ha insegnato tanto, stiamo vivendo la nostra Libertà e la nostra Felicità modellandoci continuamente in base a ciò che succede.

E’ questione di scelte. Noi abbiamo preso la nostra direzione e continuiamo insieme, non è sempre facile ma è ciò che vogliamo.

Il viaggio continua

Valentina e Omar

Ritornare….il soffitto al posto del cielo

Foto dal Romanzo finalista per il Friuli al concorso Rai “La Giara”  L’Arte Proibita di Federico Fanin “Dedicato a chi sta portando avanti la missione. Vinceremo”

Com’è tornare a casa?

Avere il soffitto al posto del cielo….beh fa strano, la prima sensazione entrati a casa, dopo 4 mesi da figli del mondo, è stata “stretta”.

Per quattro mesi abbiamo vissuto all’aria aperta, sempre, continuamente, sia col sole, sia con la pioggia, sia col sorriso, sia con la stanchezza, sia con la gioia, sia con la preoccupazione….alla sera si montava la tenda e si stava stretti ma, mai così stretti rispetto alle 4 mura di casa. La nostra casa è stata la Terra, il nostro pavimento è stato il terreno e il nostro soffitto il cielo. La sensazione? Libertà, ampiezza, possibilità. Continuamente, continuamente e questo era tutto ciò che ci bastava.

Rientrare a casa? Un momento di shock. E’ stretto qui. Non è tanto per le reali dimensioni della casa, quanto la sensazione di ristrettezza, di essere chiusi, di essere…….dentro a qualcosa.

Questa la differenza, ma la cosa positiva che ne traiamo, ora, dentro casa è la sensazione di sicurezza, di nido, di accoglienza…siamo protetti, sia dalle intemperie della stagione che avanza, sia dai pericoli che si possono incontrare nel campeggio libero….hai un pensiero in meno, se sai dove dormire, se sai che hai casa tua…..dove campeggiare.

Siamo al lavoro, siamo spesso al pc, stiamo organizzando le serate di presentazione del viaggio e saremo ancora in viaggio…portando la nostra esperienza nelle varie città che ci hanno chiamati come ospiti. Stiamo lavorando al progetto per le scuole, stiamo concretizzando ciò che durante questi mesi ci è nato…..pedalando.

Siamo carichi, siamo contenti, siamo entusiasti e abbiamo tanta voglia di trasmettere alle persone la nostra carica.

Essere tornati ha comportato anche staccarsi dalla bicicletta, farla sistemare, perché l’abbiamo messa a dura prova in questi mesi….la manutenzione l’abbiamo fatta, dopodiché abbiamo scaricato le borse, abbiamo scaricato il contenuto delle borse….e anche qui….la nostra sensazione è stata quella di….leggerezza….abbiamo depositato i bagagli (le bici pesavano all’incirca 40kg) e abbiamo lasciato andare ciò che non ci serve più.

Ci siamo goduti questi giorni in viaggio, ci siamo arricchiti, siamo cresciuti, abbiamo imparato, abbiamo affinato tutti i nostri sensi e ora è bello re-incontrare le persone care e conoscere persone nuove con cui collaborare.

Il viaggio continua.

Valentina & Omar

 

Fine giro d’Italia in bicicletta

Siamo partiti il 21 giugno dal giardino di casa nostra e siamo tornati il 21 ottobre, sempre nel nostro giardino. Non sono stati così lunghi questi 4 mesi di viaggio in questa Italia: l’abbiamo vissuta, assaporata, accettata, compresa, ci siamo calati nelle regioni, nei luoghi, tra le persone e abbiamo riempito i nostri bagagli di esperienze ed emozioni uniche. Siamo Felici di concluderlo, innanzitutto sani e salvi, con occhi nuovi ma soprattutto con tanta grinta e voglia di concretizzare i progetti nati durante questi mesi.

Vogliamo ringraziare davvero tutti: chi abbiamo incontrato e conosciuto per strada, gli amici che ci hanno ospitato, le famiglie che ci hanno accolto e supportato anche da lontano, gli sponsor tecnici, Madre Natura che ci ha accolti e protetti durante gli innumerevoli accampamenti.

Stiamo lavorando con tutti i materiali raccolti per trasmettere a quante più persone possibili, ed interessate, il nostro messaggio tramite il progetto Viaggioapiediliberi. I bambini e i ragazzi sono il nostro obiettivo e siamo contenti di avere degli appuntamenti importanti già fissati 🙂

Seguiteci che il viaggio continua 🙂

Valentina e Omar