Gli Eroi secondo noi

Lunghi viaggi, mete lontane, chi intraprende un’avventura davvero eroica?

Si leggono numeri, continuamente parametri, distanze, chilometri, velocità, giorni, numeri e ancora numeri che determinano la bravura di qualcuno.

Abbiamo conosciuto una donna, si chiama Giovanna, lei ha cresciuto sei figli, ha passato una vita di continue prove, di sacrifici e sofferenze, erano gli anni 60, dove non c’era tutto il progresso che ci sommerge oggi, che ci soffoca, che ci aliena e non ci fa neanche tirare il respiro e affermare “sono felice e sereno”. Lei per mantenere i figli faceva le punture e si spostava in bicicletta nei colli piemontesi, svegliandosi anche di notte per seguire gli ammalati.

Congratulazioni per tutti i numeri che fai, per i chilometri che percorri, per l’avventura strepitosa che hai fatto, sei stato in Africa, America, hai girato il mondo tre volte….e stai ancora girando, complimenti!

Per alcuni sono loro gli eroi, ma per noi i veri eroi sono persone come Giovanna, che con coraggio non mollano, sono persone come Loris che dinanzi alle difficoltà di un lavoro vanno oltre la paura cambiando città e mettendosi di nuovo in gioco, superati i 50 anni di età, gli eroi sono quelle persone che vanno al lavoro in bicicletta ogni giorno, e percorrono anche le strade trafficate, chi va a fare la spesa e sta attento a cosa compra, chi finito il lavoro prende la bici e va ad ossigenarsi il corpo, chi sogna e realizza i propri sogni.

Per noi non sono importanti i chilometri che facciamo, non sono importanti le quantità, noi crediamo sulla qualità, noi crediamo e coltiviamo i rapporti umani con le persone, ci fermiamo, chiediamo informazioni, ridiamo, scherziamo, ascoltiamo, ci confrontiamo….viviamo questa realtà in modo “slow” perché la fretta è nemica del qui e ora, del presente, che è l’unica realtà che possediamo, istante dopo istante.

Un bambino di 11 anni a Lignana si è avvicinato mentre riempivamo le borracce e ci ha chiesto stupito “ma da dove venite in bicicletta?” “perché avete la moka?” “come fate a cucinare?” “dove dormite?” lui è un Eroe, che ha avuto il coraggio di mollare il gruppo di amici con cui era, e si è avvicinato a noi per dare una risposta alle sue domande.

Al di là dei chilometri e dislivelli, per noi contano i rapporti, le condivisioni, gli scambi, la cooperazione, le emozioni.

Il viaggio continua.

Valentina e Omar

Un pensiero riguardo “Gli Eroi secondo noi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *