In visita da Mi Difendo.it

Molti ci chiedono stupiti “ma non avete paura a dormire in tenda, da soli?”, a quasi 3 settimane dalla nostra partenza possiamo dire che i posti tranquilli, spersi in mezzo alla natura, dove ci sentiamo bene ce ne sono molti. Certo siamo attrezzati con tutto, siamo in completa autonomia per quanto riguarda il dormire, il mangiare, la documentazione foto e video, la parte tecnica di manutenzione delle bici e siamo anche “armati”. Un nostro sponsor, che ci ha sostenuti è proprio MIDIFENDO.IT e ci ha fornito due pistole monouso al peperoncino, molto più pratiche rispetto al più conosciuto spray al peperoncino. Durante il giorno le teniamo nel borsello a portata di mano e durante la notte le portiamo nella tenda con noi, da usare nel caso di cinghiali o cani randagi o…persone malintenzionate.

Il nostro rapporto con Gionata di Midifendo.it è iniziato tramite uno scambio di e-mail e lui è stato immediatamente disponibile e cordiale con noi, ci ha fornito il materiale con le istruzioni e nel blog di midifendo abbiamo potuto leggere le testimonianze di varie persone che la utilizzano, in un settore molto vario ed eterogeneo.

Nel nostro tour abbiamo deciso con piacere di deviare il percorso da Montecatini a Pisa passando per Ponsacco per conoscere di persona Gionata. Lui e Luca ci hanno accolti in un caldissimo pomeriggio nel loro studio con acqua fresca e caffè per ristorarci, abbiamo chiacchierato con loro per quasi due ore che sono letteralmente volate, del nostro progetto e idee e loro delle ultime novità e collaborazioni e corsi. Avevamo piacere di incontrare lo staff di midifendo perché la serietà e la professionalità di un’azienda e di una persona si capiscono soprattutto dalle piccole cose.

Il questo nostro tour abbiamo molto a cuore questo modo di rapportarci con le persone perché ci arricchisce e ci dà modo di stringere collaborazioni e crescere insieme.

Stiamo preparando un video proprio su come noi usiamo questo straordinario e utile strumento di difesa.

Il viaggio continua.

Valentina e Omar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *